Soluzioni per l'isolamento di coperture, pareti e pavimenti

Soluzioni per l'isolamento di coperture, pareti e pavimenti

Certificazioni
UNI EN ISO 9001-2008
Qualità
#1 in Italia
Distributori
Presenti in tutta Italia
Contattaci

La sostenibilità ambientale applicata all’edilizia

La sostenibilità ambientale si rapporta a numerosi settori, tra cui l’architettura e l’edilizia, nel tentativo di proporre nuove soluzioni per aiutare la società e l’ambiente con la creazione di edifici e strutture progettate per uno sviluppo urbanistico a basso impatto ambientale.
Molta architettura infatti si sta orientando verso uno stile maggiormente rispettoso nei confronti dell’ambiente con la realizzazione di case ed edifici produttivi e civili sostenibili. In alcuni ambiti si predilige ad esempio la bio edilizia, dove ci si spinge fino al riutilizzo dei rifiuti agricoli riciclati, e numerosi materiali alternativi combinati alle energie rinnovabili. In generale però gli edifici green sono quelli che migliorano la qualità degli ambienti e il benessere delle persone che li abitano, anche non ricorrendo alla bioedilizia. Dalla qualità dell’aria alluso di materiali non nocivi per la salute, dallo sfruttamento della luce naturale per l’illuminazione alla progettazione del comfort acustico attraverso barriere fonoisolanti, l’architettura sostenibile progetta l’edificio attorno alla persona. Perseguire coscientemente la strada della sostenibilità significa investire maggiormente per il benessere della propria famiglia e per l’ambiente che ci circonda, concentrandosi su priorità quali la lotta alle emissioni di gas climalteranti, o quella agli sprechi e ai consumi, priorità che erano sconosciute solo alla precedente generazione e che non facevano parte delle scelte legate alle caratteristiche della propria casa.

Quali sono i valori dell’edilizia sostenibile?

A questo proposito, l’architettura sostenibile tende all’ideazione di edifici funzionali, che rispondano alle esigenze delle persone, ma che limitino anche l’impatto ambientale, ponendosi come principi progettuali l’efficienza energetica, il benessere e la salute degli abitanti, raggiungibili tramite l’integrazione nell’edificio di strutture e tecnologie innovative. Queste però devono salvaguardare l’ambiente naturale senza stravolgerlo o danneggiarlo: l’architettura sostenibile vuole un inserimento armonioso nel contesto, che implica anche un recupero totale dello spazio e dei materiali, dando priorità a quelli del luogo e che non prevedano forti costi ambientali nella logistica. L’edilizia sostenibile realizza abitazioni valutando attentamente tutti i materiali usati, il fabbisogno energetico, la localizzazione geografica e il consumo idrico. Viene previsto inoltre l’inserimento di sistemi di gestione e automazioni per il risparmio energetico, includendo impianti per l’autoproduzione elettrica. Si considerano fattori quali la ventilazione naturale, l’adozione di sistemi alimentati da biomasse, sistemi domotici di gestione, sistemi di sfruttamento e gestione dell’energia rinnovabile, tutto ciò integrando materiali e soluzioni estetiche ideate e studiate appositamente per interagire con l’ambiente e con le sue caratteristiche peculiari.
Sostenibilità in architettura non significa soltanto risparmio energetico o riduzione dei consumi. È importante infatti che vi sia anche una collaborazione consapevole e un comportamento corretto da parte degli abitanti dell’edificio o del quartiere, ponendosi come obiettivo il ridurre al minimo gli sprechi e i consumi energetici, vedi le scelte attuate a livello di condominio, o quelle pubbliche, adottate dalle pubbliche amministrazioni.

La riduzione del fabbisogno energetico mette d’accordo economisti e ambientalisti
Concepire ecologicamente un’abitazione vede l’applicazione di diversi principi, da quelli più radicali a quelli più ‘accomodanti’. L’utilizzo di materiali da costruzione a basso impatto ambientale è un principio tra i più comuni. Altrettanto acquisito, il principio della riduzione del fabbisogno energetico è un altro caposaldo dell’architettura sostenibile: l’isolamento degli edifici è una soluzione di successo perché incontra esigenze economiche e ambientali. Una buona coibentazione infatti è l’opzione sostenibile che consente di ridurre direttamente i consumi e i costi del riscaldamento e dell’aria condizionata.
In questo settore risultano quindi particolarmente importanti materiali e prodotti che consentano l’isolamento termico più efficace. Venest, azienda specializzata nella produzione di materiali isolanti per l’edilizia a basso impatto ambientale, sviluppa pannelli isolanti in polistirene estruso e poliuretano espanso realizzati con cicli produttivi attenti al risparmio energetico che hanno l’obiettivo di dare valore all’abitazione e al comfort abitativo.
Le soluzioni adatte per ogni esigenza sono suddivise nelle seguenti categorie:
Pannelli isolanti Stysol: si distinguono per le ottime prestazioni di isolamento termico, l’elevata resistenza all’assorbimento d’acqua, le caratteristiche di lunga durata, la resistenza meccanica, la stabilità dimensionale, l’ottimo comportamento al fuoco e l’immediatezza nell’installazione.

Pannelli in schiuma Isostif: vantano eccellenti qualità tecniche del prodotto valutabili su caratteristiche di conduttività termica (λ), resistenza al vapore acqueo (μ) , resistenza alla compressione e stabilità dimensionale.

BIVERCOPDUO HD

Pannelli isolanti Teknoroof: sono adatti per coperture a falde micro ventilate poiché le sue caratteristiche consentono di ottimizzare l’isolamento termico del tetto, la microventilazione e la protezione dalle infiltrazioni d’acqua dovute alle rotture accidentali del manto di copertura.

About the author