Soluzioni per l'isolamento di coperture, pareti e pavimenti

Soluzioni per l'isolamento di coperture, pareti e pavimenti

Certificazioni
UNI EN ISO 9001-2015
CAM
VOC Indoor Air Comfort Gold
Qualità
#1 in Italia
Distributori
Presenti in tutta Italia
Contattaci

Sotto al giardino? STYSOL® HD

Da dove nasce l’idea di un’oasi verde?

Cinque secoli fa, intorno al 590 a.C., sotto il regno di Nabucodonosor furono realizzati numerosi giardini pensili, quelli che noi oggi annoveriamo tra le Sette Meraviglie del Mondo Antico. Immaginarsi nei pressi dell’odierna Baghdad, in piena fascia climatica desertica, una costruzione in cemento modulata su più terrazzamenti verdi e rigogliosi ha dell’incredibile.

 

I vantaggi di avere un’oasi verde sul tetto

Al di là del suo valore estetico, un’oasi verde sul tetto migliora il sistema di isolamento termico, raffrescando gli ambienti d’estate grazie all’evaporazione dell’acqua rilasciata nel terreno. In caso di acquazzoni, invece, l’alta ritenzione dell’acqua riduce la criticità di deflusso, preservando la copertura e gli strati isolanti sottostanti. La superficie vegetale, inoltre, assorbe i rumori, isolando dal punto di vista acustico, aereo naturalmente, non da calpestio. E per le anime ecofriendly, c’è da aggiungere un’altra importante precisazione: le piante ripuliscono l’aria da sostanze nocive e polveri.

 

Realizzare un giardino pensile oggi

Se sei arrivato fin qui e ti è nato il desiderio di realizzare il tuo spazio verde sul tetto, ti spieghiamo come procedere. Per prima cosa il tecnico verificherà la fattibilità dell’opera analizzando lo spazio e lo sviluppo del progetto. Al via libera del progettista segue l’applicazione di una guaina con azione impermeabilizzante di barriera al vapore sopra la quale verrà stesa una guaina bituminosa antiradice del tipo Safety Alu e, in seguito, posata la lastra isolante STYSOL® HD in polistirene estruso dalle eccezionali qualità termoisolanti. L’elevata resistenza all’assorbimento d’acqua, le eccellenti caratteristiche di durata, la resistenza meccanica, la stabilità dimensionale e la facilità di installazione lo rendono un prodotto ideale nella progettazione di questi giardini pensili.

A seguire, lo strato di separazione tipo TemaTex, sopra il quale verrà applicata la membrana per l’accumulo idrico e il drenaggio delle acque T-Kone XL Plus. In ultima, verrà realizzato uno strato di separazione e aerazione, realizzabile con Tefond 3D TG. Il tutto verrà ricoperto dal terriccio, la cui scelta non è per nulla scontata. Negli anni, infatti, sono state sviluppate alcune tipologie di terriccio apposite per la creazione di giardini pensili dal peso più contenuto, arricchite di sostanze organiche e minerali e da una maggiore capacità di contenimento idrico.

 

Ma quante categorie di giardino pensile esistono?

Esistono ben quattro tipologie di giardino pensile: quello estensivo, quello inclinato, l’intensivo leggero e quello pesante. Si differenziano principalmente per il loro spessore che, di conseguenza, determina il peso che la superficie riuscirà a sopportare. Se, ad esempio, i giardini pensili estensivi, adottati per solai con bassa possibilità di carico, sopportano tra i 90kg/m² e i 220kg/m², quelli intensivi (distinti a loro volta in giardini pensili intensivi leggeri e pesanti) sostengono fino a 1200 kg/m². Quello intensivo leggero viene identificato come il giardino pensile per eccellenza perché permette la coltivazione di più specie arboree, pur mantenendo uno spessore superficiale contenuto in confronto, ad esempio, al giardino pensile intensivo pesante, la cui base raggiunge i 25 cm di spessore.

Qualsiasi sia, però, il tuo giardino pensile, grazie all’elevata resistenza meccanica di STYSOL® HD, non dovrai temere problemi di compressione.

Per scoprire le caratteristiche di prodotto, vai alla pagina Stysol HD.

About the author